lunedì 21 agosto 2023

Gabriele D'Annunzio curiosità sul caffè

Gabriele D'Annunzio curiosità

condividi

autore: Redazione

Gabriele D’Annunzio è stato una figura di spicco nel panorama della letteratura italiana e politica del nostro paese. Ha vissuto una vita all’insegna della poesia, della politica e di tanti piaceri, tra cui quello per il caffè.

Gabriele D’Annunzio: le curiosità sul caffè

Un personaggio unico e affascinante, Gabriele D’Annunzio. Nato a Pescara nel 1863, ha ricoperto diverse figure nel corso della sua vita: scrittore, drammaturgo, poeta, politico, militare, amante. Ha lasciato il segno non solo nella letteratura italiana, ma anche nella moda e nel costume del suo tempo. Lo chiamavano “Il Vate”, perché ritenuto da tutti l’ultimo grande poeta autorevole della nostra tradizione letteraria. Era un artista geniale e anticonformista, che amava l’estetica e non condivideva a pieno la visione e i valori della borghesia. Il suo stile è ancora oggi inimitabile e seducente.
Di certo non si può dire che il nostro poeta abbia avuto una vita noiosa. Le sue passioni, le sue opere geniali e le sue avventure belliche danno l’idea che Gabriele D’Annunzio abbia sperimentato più vite in una. Tutti lo ricordano come “il poeta soldato”, per la figura di militare che ha ricoperto e le sue azioni da eroe che ha compiuto in difesa del suo amato paese. Era ossessionato dal bell’apparire i vestiti: si cambiava più volte al giorno, scegliendo camicie, scarpe e cappelli diversi. Era appassionato di tutte le forme dell’arte. E le donne? Le adorava, tutte, e tutte lo adoravano: che si trattassero di storie brevi o lunghe, Gabriele D’Annunzio le viveva tutte con estrema passione.
D’Annunzio ha lasciato il segno nella storia e nel paese con la sua vita, le sue azioni e i suoi scritti. Era un esteta, un amante delle donne e della bella vita, un uomo di mondo, un raffinato, un tormentato. Una vita di eccessi, insomma, sempre accompagnata dalle sue opere e dai suoi innumerevoli piaceri, tra cui quello per il caffè.

Gabriele D’Annunzio e il piacere del caffè

Che Gabriele D’Annunzio coltivasse il piacere del caffè, è possibile scoprirlo consultando la preziosa autobiografia del personaggio, intitolata Il Libro segreto, o anche Il libro segreto di Gabriele d'Annunzio (titolo integrale: Cento e cento e cento e cento pagine del Libro segreto di Gabriele d'Annunzio tentato di morire).
Gabriele D’Annunzio scrisse quest’opera nel 1935, al Vittoriale degli Italiani, complesso fatto costruire dal poeta sulla sponda bresciana del Lago di Garda, in memoria dei soldati italiani caduti nella Prima guerra mondiale e in cui oggi vi è sepolto. Il Libro segreto è l’ultima opera di Gabriele D’Annunzio, scritta tre anni precedenti la sua morte, in cui offre un ritratto intimo della sua personalità: dal periodo della sua gioventù abruzzese fino ai suoi ultimi anni di vita.
Durante la lettura dell’opera, infatti, è possibile imbattersi in questo passo davvero interessante per gli amanti del caffè e non solo:
Poche sono le mie passioni, pochi i miei vizi; chè le une e gli altri sono estremi. Uno mi domanda: tu fumi? rispondo: ho fumato nella guerra, contro l'odore del prossimo e talvolta per utile segno di tranquillità contro al più grave dei pericoli. Ora non fumo più, perché disdegno di fumare tre o quattro o dieci sigarette al giorno; disdegno quella meschinità, in confronto delle centoventi sigarette quotidiane che fumava, per esempio, il mio dilettissimo amico Clemente Origo. Se fumassi, io non potrei fumar meno di centocinquanta Abdulla numero Undici.
Avete la passione del gioco? mi chiede ancora. Si quella vera, quella che non conosce l'utilità. Che vale solo per il rischio ed alla quale è estraneo il guadagno. Si quando io gioco sento aumentare la mia propria vita.
E il caffè Vi piace? Lo gradite? Ne consumate molto? Avete la passione per questa bevanda?
Ebbene sì! Passione estrema!
Ne bevo e ne sorseggio tutte le volte che posso: caldo o freddo, zuccherato
o amaro. Alla turca, alla napoletana, comunque sia.
E delizia per il mio palato.

Gabriele D’Annunzio al Gran Caffè Gambrinus: ‘A vucchella

Gabriele D’annunzio, oltre che essere un grande intenditore e bevitore di caffè, era anche un habitué dei caffè letterari. Il poeta trascorse due anni della sua vita a Napoli, dal 1891 al 1893, scrivendo per i giornali Il Mattino e Il Corriere di Napoli. E proprio nella città del caffè, D'Annunzio amava passare le sue giornate al Gran Caffè Gambrinus: il celebre e antico caffè letterario di Napoli che, tra le tante figure di spicco, ospitò anche Eduardo De Filippo. La leggenda narra che fu proprio in uno dei tavolini del Caffè Gambrinus che Gabriele D'Annunzio compose una delle sue opere più belle: 'A Vucchella.
Un giorno, al Caffè, il poeta Ferdinando Russo sfidò D'Annunzio a scrivere sul momento una poesia in dialetto napoletano. Il Vate non solo accettò la sfida, ma dopo aver scritto la poesia, ebbe la brillante idea di renderla una canzone. La mandò al musicista pescarese Paolo Tosti, suo amico, che ne scrisse la melodia. A giudicare da come andò in seguito, si direbbe che D’Annunzio vinse di gran lunga la sfida, poiché 'A vucchella venne cantata da due leggende del tenore, Enrico Caruso e Luciano Pavarotti, contribuendo in prima persona alla bellezza e alla storia di quest’opera.
Il tratto distintivo di quest’opera è l’impiego, da parte del poeta, di una parola inventata: appassuliatella. Questa è una trovata tipica di D’Annunzio, che amava giocare con le parole e inventarne di nuove. Il termine appassuliatella rappresenta una piccola rosa appassita, aggettivo che D’Annunzio utilizza per descrivere la bocca di una delle sue più grandi passioni: la donna.
Sì, comm’a nu sciorillo
Tu tiene na vucchella
Nu poco pocorillo appassuliatella.
Meh, dammillo, dammillo,
– è comm’a na rusella –
Dammillo nu vasillo,
Dammillo, Cannetella!
Dammillo e pigliatillo,
Nu vaso piccerillo
Comm’a chesta vucchella,
Che pare na rusella
Nu poco pocorillo appassuliatella.

Gabriele D’Annunzio e il caffè: un peccato di gola

A Gabriele D’Annunzio non interessava molto la quantità, ma la qualità: il poeta, infatti, si nutriva di cibi semplici, ma raffinati, che gli ricordassero le sue radici abruzzesi. Il cibo per lui era un’arte, un modo di esprimere la sua personalità e il suo gusto, e anche un mezzo per sedurre e godere delle sue avventure amorose: il cibo «era fonte di gioia, di emozione, di fascino, di bellezza». Certo, non voleva ingrassare troppo, anche se si lamentava spesso della sua pancia in costante lievitazione, ma non rinunciava mai a un buon caffè alla fine dei suoi pasti, fossero essi pranzi, cene o banchetti con amici. Il caffè era il suo “vizio”, quello che gli dava la carica e il piacere di vivere.
Nel libro Cose semplici sugli illustri amici del caffè di Agostino Narizzano, è possibile cogliere a pieno questo puro piacere del poeta:
lo avevo una vera fame. Una di quelle fami che non chiedono salse eccitanti e vini stomatici, ma pasti succulenti. Io ho fatto un pranzo selvatico.
Tutta la selvaggina era a pointe. Ho preso della lepre, tutto fragrante di timo.
Poi ho preso del patè tutto dorato nella sua bella crosta. Poi ho preso delle belle fette, di non so che cosa, posate su un letto di funghi e bagnate di un burro che aveva un gusto di noisette.
Poi il Marcobrunner nel fine bicchiere, vino d'oro ardente.
Ma tutto ciò non poteva bastare. Se la natura era prodiga di tanto favori mi doveva concedere ancora un caldo, nero, splendido caffè dall'aroma che si sviluppava all'intorno.
Che delizia! Il peccato della gola mi sia perdonato dal buon Dio.

Caffè Roen e la passione per il caffè

Gabriele D’Annunzio faceva del caffè il tema centrale di alcuni suoi scritti e dei suoi momenti di piacere. Anche noi siamo appassionati di caffè e vogliamo condividere con te la nostra cultura e il nostro amore per questa bevanda. Nella nostra torrefazione artigianale ad Affi, vicino a Verona, selezioniamo e tostiamo ogni giorno i migliori caffè in grani, creando miscele esclusive e monorigini di qualità. Visita il nostro negozio online: potrai acquistare il caffè che preferisci per i tuoi momenti speciali e di convivialità.

Caffè 100% Arabica Gourmet

100% Arabica

€ 25,00 € 20,00

Caffè 100% Arabica

100% Arabica

€ 25,00 € 20,00

Caffè Armonioso

90% Arabica – 10% Robusta

€ 23,00 € 19,00

Caffè Extra Bar

80% Arabica – 20% Robusta

€ 22,00 € 18,50

Caffè Costa del sol

60% Arabica – 40% Robusta

€ 20,00 € 17,00

Caffè Intenso

40% Arabica – 60% Robusta

€ 20,00 € 17,00

Caffè Gran Bar

40% Arabica – 60% Robusta

€ 18,00 € 15,00

Cialde monodose E.S.E.

40% Arabica – 60% Robusta

€ 45,00 € 38,00

Caffè Malabar Monsoon India

Caffè monorigine 100% Arabica

€ 26,00 € 23,00

Iscrivimi alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per essere sempre aggiornato su tutte le novità e le promozioni